Ivan, un uomo senza dimora, muore nei giardini del parco di Villa Ghirlanda

di Emanuela Borrelli

A Cinisello Balsamo si è spenta una vita, una vita di strada, quella di un clochard, un uomo di soli 44 anni di nome Ivan. Conosciuto da molte persone in città, se ne è andato in silenzio, forse a causa di un malore, il suo corpo senza vita è stato ritrovato da persone che sabato sera si trovavano a passare nel parco di Villa Ghirlanda, in via Frova.

Ci interroghiamo sulla carenza o sull’assenza dei servizi per i senza dimora nel nostro territorio, se esiste un coordinamento, una  rete di servizi specifica,   perché in queste tristi occasioni è il minimo che possiamo fare sia a livello informativo, ma soprattutto umano. Servizi Sociali, Caritas, C.R.I., aiutateci a capire come è organizzata la situazione nel nostro territorio e cosa possiamo fare per sostenere emergenze come quella delle persone fragili abbandonate nelle strade del mondo e anche in quelle della nostra città.

Il nostro blog ricorda Ivan con queste parole:

di Katia Giannotta

Per  IVAN

Oggi scrivo per te Amico mio…perché ho appena saputo che te ne sei andato su una panchina della città che ci ha visto crescere. Solo…come unica compagna una bottiglia di superalcolico o di vino. Il tuo pane quotidiano.
Per tutti sei un barbone fra i tanti che e’ morto cercandosela…uno senza dimora e senza vita…quella conformata dei più.
Io ti guardavo nelle sere d’estate, quando arrivavi all’Estate Cinisellese in cerca di una bottiglia o di elemosina. Avevi gli occhi persi nell’alcol e allora ti fissavo da lontano e parlavo silenziosamente alla tua Anima.
Al bambino che era ancora in te, Ivan caro, e che con me aveva diviso l’infanzia.
Giochi innocenti nel cortile di casa nostra e tu eri felice…i tuoi occhi azzurri vibravano di luce. Ma dentro già sapevi…e io lo percepivo. Ricordi quel pomeriggio in cui per giocare mi infilasti una lucertola viva nella maglietta…avevo sette anni ed era estate. Urlai con tutta la forza che avevo in gola e mi tolsi subito la maglietta. Ti spaventasti di quella mia reazione e cambiasti espressione chiedendomi scusa infinite volte…perché in fondo eri un’Anima dolce e tra le più sensibili. Quante volte ti ho sentito chiedere scusa Amico mio? Mai nessuno ha chiesto scusa a te…scusa alla vita per come ti ha trattato e ti hanno trattato. Ogni volta che qualcuno ti urlava contro dicendoti di andare via…come fossi un cane rabbioso…io guardavo e mi sentivo spezzare il cuore. Non volevi essere aiutato da nessuno. Non hai mai dato fastidio a nessuno… per tutti eri un qualunque barbone…per me il mio compagno di giochi e scherzi.
Che la tua Anima trovi pace Ivan…dal Cielo mai nessuno ti caccerà via. Lassù non darai fastidio a Dio! Sii sereno e cerca lucertole fra le nuvole.

1 comment for “Ivan, un uomo senza dimora, muore nei giardini del parco di Villa Ghirlanda

  1. Emanuela Borrelli
    5 agosto 2013 at 14:25

    Alcune persone ci hanno fatto richiesta di sapere dove e quando ci saranno i funerali di Ivan, ma purtroppo ancora non siamo riusciti ad avere notizie un merito.
    Questa mattina sono passata in Comune per mie certificazioni e poi sono andata alla sede dei Servizi Sociali sperando di trovare l’Assessora Duca, ma ho saputo che la stessa sarà in ferie fino a fine agosto, così mi ha detto la segretaria. Alla mia richiesta di avere informazioni riguardo l’accaduto e sui funerali di Ivan, la segretaria dell’Assessora ha detto di non sapere nemmeno della morte di Ivan e per quanto riguarda i funerali mi sarei dovuta rivolgere alla camera mortuaria…

Lascia una risposta